lunedì 17 agosto 2015

Come vengono fatti i Pesti Barilla e #guardatustesso

L'azienda Barilla (ovviamente non devo spiegare di quale azienda sto parlando :-D chi non conosce Barilla?! ) ha lanciato sul web la piattaforma guardatustesso.barilla.it ovvero un portale che permette al consumatore di sbirciare virtualmente la filiera di produzione di sughi, ragù, pesti e pestati, e di avere la consapevolezza di come questi prodotti arrivino sulle tavole degli italiani. L'11 luglio scorso ho avuto la fortuna di visitare dal vivo lo stabilimento con sede a Parma.


Devo dire che l'invito da parte di un colosso come Barilla mi ha veramente onorato!! Ma ora vi racconto... il programma della giornata è stato quello di seguire il processo di produzione del pesto alla Genovese a partire dalla raccolta del basilico all'azienda agricola "La Felina" dove abbiamo potuto osservare con i nostri occhi (e il nostro olfatto... non vi posso descrivere il meraviglioso profumo che c'era) la coltivazione e la racconta di questa favolosa pianta aromatica.


Poi ci siamo trasferiti in azienda dove abbiamo gustato i diversi sughi Barilla tra cui i nuovi pestati con pomodori secchi, melanzane e verdure mediterranee, perfetti sia con la pasta che sui crostini!!! Il personale che ci ha accolto, molto cordiale e ospitale, ci ha presentato ogni aspetto della produzione, dalla scelta degli ingredienti al confezionamento. Nessun colorante, ne conservante, solo ottime materie prime e tanto amore per il proprio lavoro.


Devo dire che dopo questa esperienza mi sento di consigliare l'acquisto di questi prodotti perché sono fatti proprio come si farebbero in casa! Tengo a precisare che non sono pagata da nessuno, ne voglio vendere niente!! Io, che vengo dalla campagna, dove i sughi si fanno con i pomodori dell'orto, mi sono ricreduta sul fatto che anche alcuni di questi prodotti confezionati (almeno quelli Barilla) sono sani e genuini, con materie prime di alta qualità.


Un grazie a Barilla per la bella esperienza!!!


2 commenti:

  1. Sicuramente un'esperienza interessante per questi periodi durante i quali è sempre più difficile sapere quello che effettivamente mangiamo.
    Dovrebbero farlo tutte le aziende.
    Grazie della condivisione.
    un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido il tuo pensiero! Il consumatore deve essere consapevole di cosa mangia!!!!! :-)

      Elimina