lunedì 31 agosto 2015

Torta Vegana Pere (frullate) e Noci

Ogni volta che l'estate giunge al termine inizio a pensare a mille buoni propositi. Voglia di mettermi in forma, di avere una alimentazione più sana, di creare progetti per il futuro. L'autunno mi da la carica... sarà che ricomincia la mia routine quotidiana: la settimana tranquilla, la cena fuori del sabato sera, i film al cinema, le domeniche di buon cibo e relax sul divano... e tutto ciò mi fa sentire sicura, rilassata e felice. Il paesaggio cambia colore, le temperature scendono, e nuovi frutti arrivano sulle nostre tavole. Nuove ispirazioni e nuove ricette. E questa è proprio una di quelle, difatti la protagonista indiscussa di questa preparazione è la pera. Una soffice torta senza burro, latte, uova ne farine e zuccheri raffinati. Un dolce sano e nutriente che profuma di autunno.


Questa torta mi ha dato veramente tanta soddisfazione, difatti è piaciuta proprio a tutti e questo mi appaga davvero tantissimo!!!! A volte la creatività da i suoi frutti.

 Ingredienti:

  • 3 pere stra mature
  • 1 pera grande soda
  • 70 g olio di semi 
  • 100 g latte di avena o soia
  • 200 g miele d'acacia (o 150 g zucchero di canna)
  • 150 g farina di farro  (o mix per dolci senza glutine
  • 150 g farina di kamut (o una farina a vostro piacere)
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino abbondante di cannella
  • 50 g di noci tritate grossolanamente
  • crema di nocciole q.b. (facoltativo)



In una ciotola capiente schiacciare bene con una forchetta le tre pere stra mature (ovviamente lavate e sbucciate) o eventualmente frullatele. Aggiungere l'olio e il latte. Miscelare il tutto ben bene con una frusta. Aggiungere il lievito setacciato, la cannella, le farine e omogeneizzare il composto. In ultimo aggiungere la pera soda a cubetti e le noci. In uno stampo con il buco, oleato e infarinato, versare il preparato. La torta è già pronta per essere infornata, ma se la volete rendere più golosa potete cospargere la superficie con qualche cucchiaio di crema di nocciole e con la punta di un coltello miscelarla leggermente con il composto sottostante. Infornare a forno caldo a 175-180°C per 30-35 minuti.


giovedì 20 agosto 2015

Spiedini di Pesce Spada con Millefoglie di Melanzane e il Racconto di #galleriacirio


Quest'estate, con mio grande stupore, ho avuto la fortuna di essere stata invitata come FoodBlogger ad alcuni eventi (come vi raccontavo anche nel post precedente), insomma... chi se lo aspettava che a poco più di un anno e mezzo di Cuor di Ciambella, il blog potesse avere questo riscontro?? Lo so non sono certo una blogger famosa, ne troppo social, ma questo è il mio piccolo spazio e ci metto tutto il cuore, per questo ne sono molto orgogliosa!! In oltre queste esperienze mi hanno permesso di conoscere tante belle persone, creando veri rapporti di amicizia. Ed è proprio il caso di Veronica, una favolosa ragazza autrice del blog cucinopertescemo (assolutamente da seguire), romagnola e genuina come me, insomma dopo cinque minuti di chiacchere è stato come conoscersi da sempre!!! Adorabile!! Ed eccoci qui sotto, all'evento Cirio, con queste belle facce da ebeti pronte a cucinare (precisamente a tentare di non dare fuoco al locale :-D) come se non ci fosse un domani!!


Prima di passare alla ricetta vi voglio raccontare qualcosa di questa bella esperienza... il 24 giugno il team Cirio ha portato l'evento Galleria del Sapore a Bologna, dove assieme ad altri blogger, abbiamo partecipato ad una amichevole gare stile "Master Chef" ognuno di noi aveva una sorta di mistery box, una dispensa da cui attingere ed infine lo Chef giudice Luca Ogliotti (Chef del Gambero Rosso) ha assaggiato e giudicato i nostri piatti. Non vi posso descrivere quanto ci siamo divertite e soprattutto quanto è difficile usare dei fuochi professionali e pensare e cucinare una ricetta in così poco tempo!!!!


In più l'artista Massimo Sirelli ci ha allietato con la sua scultura (un favoloso robottino simbolo dell'evento). Abbiamo infine concluso la serata con tante chiacchiere e stuzzichini!!
Per guardare tutte le foto della serata (Davide Belluca Photography) cliccate qui !!!
La protagonista dell'evento è stata la Passata Rustica Cirio, un ottimo prodotto che utilizzo anche a casa. Difatti vi voglio proporre una ricettina facile e veloce composta da una mille foglie di melanzana con Passata Rustica Cirio e timo fresco con dei gustosi spiedini di pesce spada alle erbe aromatiche.


Ingredienti per 4 persone:

  • 600 g di pesce spada in fette spesse circa 2 cm
  • mix di erbe aromatiche fresche (rosmarino, timo e salvia)
  • olio evo
  • sale rosa dell'Himalaya 

Lavare e pulire dagli scarti il pesce, poi tagliarlo a cubetti di 2 cm per 2 circa. Metterlo in una ciotola con abbondante olio e il trito di erbe aromatiche, coprite con pellicola e riporre i frigorifero.


Per la mille foglie si melanzane:
  • 3-4 melanzane lunghe
  • circa 200 g di passata rustica Cirio
  • sale aromatico
  • olio evo
  • timo fresco

Nel frattempo lavare e privare  delle estremità le melanzane. Tagliatele a fette per il lungo dello spessore di un cm e se sono molto lunghe dividete la fetta in due (dovete ottenere come delle piccole sfoglie). Cospargere le melanzane di olio e sale aromatico (io utilizzo quello con già un mix di erbe aromatiche) e grigliate o cuocete in forno le vostre verdure. Una volta cotte alternate le fette con un cucchiaio di passata e del timo fresco e create quattro torrette.


A questo punto riprendere il pesce, salare con il sale rosa e creare degli spiedini (con 6-7 bocconcini ognuno). Cuocere gli spiedini in una piastra rovente con un filo di olio, circa 1 minuto per lato. Nel frattempo ripassate per pochi minuti le millefoglie di melanzane in forno a 200°C.


Servire gli spiedini con la millefoglie e dell'insalata fresca e buon appetito!!!


lunedì 17 agosto 2015

Come vengono fatti i Pesti Barilla e #guardatustesso

L'azienda Barilla (ovviamente non devo spiegare di quale azienda sto parlando :-D chi non conosce Barilla?! ) ha lanciato sul web la piattaforma guardatustesso.barilla.it ovvero un portale che permette al consumatore di sbirciare virtualmente la filiera di produzione di sughi, ragù, pesti e pestati, e di avere la consapevolezza di come questi prodotti arrivino sulle tavole degli italiani. L'11 luglio scorso ho avuto la fortuna di visitare dal vivo lo stabilimento con sede a Parma.


Devo dire che l'invito da parte di un colosso come Barilla mi ha veramente onorato!! Ma ora vi racconto... il programma della giornata è stato quello di seguire il processo di produzione del pesto alla Genovese a partire dalla raccolta del basilico all'azienda agricola "La Felina" dove abbiamo potuto osservare con i nostri occhi (e il nostro olfatto... non vi posso descrivere il meraviglioso profumo che c'era) la coltivazione e la racconta di questa favolosa pianta aromatica.


Poi ci siamo trasferiti in azienda dove abbiamo gustato i diversi sughi Barilla tra cui i nuovi pestati con pomodori secchi, melanzane e verdure mediterranee, perfetti sia con la pasta che sui crostini!!! Il personale che ci ha accolto, molto cordiale e ospitale, ci ha presentato ogni aspetto della produzione, dalla scelta degli ingredienti al confezionamento. Nessun colorante, ne conservante, solo ottime materie prime e tanto amore per il proprio lavoro.


Devo dire che dopo questa esperienza mi sento di consigliare l'acquisto di questi prodotti perché sono fatti proprio come si farebbero in casa! Tengo a precisare che non sono pagata da nessuno, ne voglio vendere niente!! Io, che vengo dalla campagna, dove i sughi si fanno con i pomodori dell'orto, mi sono ricreduta sul fatto che anche alcuni di questi prodotti confezionati (almeno quelli Barilla) sono sani e genuini, con materie prime di alta qualità.


Un grazie a Barilla per la bella esperienza!!!